martedì 15 maggio 2018

Il mostro dentro che ognuno ha

Ero bravo a litigare. Mi ero fatto le ossa in strada, nei cortili delle case popolari Fiat, tutti figli di immigrati meridionali, famiglie numerose, che sbarcavano il lunario in 7 con il solo stipendio del padre in cassa integrazione: bastava un niente che ti arrivava un tuamadrefaibucchini. A 11 anni insultarsi la madre era il minimo sindacale, oltre che lo sport ufficiale a Mirafiori sud. Io potevo andare avanti ore colpendo basso e duro, con il mio sarcasmo, con la mia lingua al cianuro. Figlio d'infermiera conoscevo l'anatomia umana, dove i nervi si incrociavano, dove le carni erano tenere. Ero un cane. Di quelli che hanno preso un sacco di botte, che mordono e che si strozzano col collare se cerchi di prenderli.
Poi crescendo ho imparato a contenere i danni. Ad andare giù al tappeto. C'è voluto un po', non sono cose che si imparano da un giorno all'altro, ci vuole tempo e anche un sacco da allenamento appeso in testa. E poi non era la mia natura.

venerdì 4 maggio 2018

Concreto YulBrynner!

"Dado mi consigli un gioco che funzioni con una donna separata e con due figli?".
YulBrynner, ribattezzato così per la chioma, e perchè aveva bisogno di un nick per finire su queste pagine.

"E' una gran bella donna, Dado, e pure simpatica, di quelle che di solito non conosci mai quando sono single, o che lo diventano solo per pochissimi giorni, esattamente quelli che tu stai ad Abba di Monteinculo per lavoro" mi spiega "E non escludo che possa davvero diventare una storia seria un domani, voglio crederci Dado, ma per ora è davvero imperativo trovare il tempo per sco".

martedì 24 aprile 2018

La bambina che giocava con le formiche

E' il 2006 e la malattia di F. , la schizofrenia bipolare, è al massimo del suo splendore. Quell'anno Torino ospita le olimpiadi invernali, F. comincia ad assumere psicofarmaci con regolarità, mentre io sviluppo un odio sincero per il resto dell'umanità.
Fra le molte cose che faccio, alcune lucide altre un po' meno, c'è quella di aprirmi un blog. Un blog di denuncia, o almeno: quello è il mio intento.
Mi metto a fotografare tutte le macchine che parcheggiano nel posto riservato ai disabili, e a caricarne le foto sul web [giusto come alternativa a tagliar loro le gomme].
http://nuclearbufo.blogspot.it/2006/07/beccalo-con-na-foto.html
Per la verità quell'embrione di blog dura molto poco, il tempo, credo, di metabolizzare certe nuove cose della malattia di F.

In quelle settimane scopro il blog di Carla.
http://bambinaborderline.blogspot.it/
Mi attira il titolo, per ovvie ragioni.
Leggendolo scopro invece che Carla a meno di 30 anni ha già combattuto con una malattia terribile, e che adesso vive con due camaleonti e un discreto numero di piante carnivore a Torino.
Il suo blog è il diario della sua vita.

venerdì 20 aprile 2018

KEO

Le iniziali dei suoi due nomi + l'iniziale del suo cognome, tipo: Katia + Elisabetta + Obice.
Io la chiamo KEO.

L'ho conosciuta una vita fa. Sul lavoro. Lei era vestita di nero. Con gli anfibi. E una mela in mano.
Per alcuni mesi l'ho vista mangiare solo mele. Praticamente un bruco.
Parlava unix, quello dei vecchi server HP, spostava blocchi di files con lunghe stringhe di codice dall'Italia alla Cina, lanciava calcoli CAE in Messico, in anni in cui io masticavo solo sistemi microsoft.
"Guarda e impara, pivello"
Aveva dita secche e lunghe, che muoveva sulla tastiera con un senso di repulsa, come fosse fatta di carne tritata e lei vegana, e un paio d'occhiali da professoressa di matematica sul naso.
Trattava a pesci in faccia gli utenti.

giovedì 12 aprile 2018

Divertitevi voi che potete

Non esattamente una passeggiata, il viaggio Torino-Modena in macchina, complicato dalle troppe scatole in vendita di Viking e Redbairon sui sedili, più che una gita un trasloco coatto, un matrimonio zingaro. All'ultimo minuto si unisce nell'abitacolo anche Christian Giove [Chrys] che sottrae ossigeno e cubatura sui sedili posteriori, tanto che discutiamo di:
1- non vendere più le scatole di Kingdom Death Monster nè Gloomhaven che cubano quanto Chrys
2- fare a pezzi Chrys con una mannaia
3- montare un portapacchi
4- prendere due macchine
5- fare a pezzi Chrys con una mannaia